L'8 Aprile a Roma si terrà il kick-off meeting del progetto COMETA 

insieme a Enea e Università Campus Bio-Medico di Roma, presso la sede di Danesi Caffè Spa

Il progetto COMETA (Quality testing of organoleptic properties of COffee blends via genetic and METAbolic fingerprinting) cofinanziato dalla Regione Lazio, vede uniti in partenariato, sotto il coordinamento della Danesi Caffè SpA, ENEA, l’Università Campus Biomedico di Roma e Genechron Srl, con la collaborazione di CREA-Alimenti e Nutrizione e della Federazione Italiana dei Dottori in Scienze Agrarie e Scienze Forestali (FIDAF).
Il progetto COMETA svilupperà nuovi strumenti per supportare il complesso e sapiente processo di torrefazione del caffè, in presenza di una crescente diversificazione delle varietà e della composizione biochimica della materia prima, indotta anche dagli effetti dei cambiamenti climatici.

Genechron selezionata fra i progetti che parteciperanno al percorso del Bio In Italy roadshow 

Bio In Italy Investment è un forum organizzato da Assobiotec e Intesa Sanpaolo Innovation Center, giunto all'undicesima edizione è ormai un appuntamento di riferimento per l’innovazione nelle biotecnologie e life sciences in Italia e si avvale di partner regionali per lo scouting dei migliori talenti sul territorio.

Degli otto progetti innovativi che hanno concluso il percorso con Lazio Innova e che si sono presentati alla call nell'ambito Scienze della Vita e Circular Bio Economy lo scorso dicembre, ne sono stati selezionati tre, fra cui Genechron, in quanto startup innovativa che opera nel settore dei biomarcatori molecolari per l'epatotossicità e l'epilessia.

I team parteciperanno alla fase di bootcamp presso Intesa San Paolo Innovation Center a Torino, propedeutica alla finale con investitori e Business Angel del prossimo 16-17 aprile presso Cariplo Factory di Milano.

Genechron partecipa al progetto COMETA (Quality testing of organoleptic properties of COffee blends via genetic and METAbolic fingerprinting) cofinanziato da Lazio Innova attraverso il Bando KETs-Key Enabling Technologies come progetto integrato nell’area di specializzazione Scienze della Vita

Il partenariato del progetto è coordinato dalla società Danesi Caffè SpA e si avvale della effettiva collaborazione di ENEA e Università Campus Biomedico di Roma come Organismi di Ricerca.

Il Progetto COMETA è rivolto alla realizzazione di un sistema multisensoriale elettronico in grado di rilevare specifici composti chimici in fase gassosa che si sprigionano durante il processo di torrefazione, dalla cui analisi è possibile individuare in modo accurato parametri ottimali di processo, che originano quelle particolari proprietà organolettiche di cui si caratterizza la bevanda in tazza.

Nel progetto verrà effettuato un fingerprinting genetico delle specie e varietà di caffè di cui sono composte le miscele Danesi e, attraverso la determinazione dei metaboliti che si sprigionano durante il processo di torrefazione, tali composti saranno associati alla loro origine genetica.

Il progetto COMETA intende quindi trasferire, all’interno di un sistema elettronico da impiegare nel processo di produzione, la centenaria sapienza di una società di eccellenza della produzione di caffè in Italia.

Complessivamente, per il progetto COMETA Genechron ha avuto ammessi costi per € 282.534,27 a fronte dei quali sono stati concessi contributi pari ad € 176.812,89 a valere sui fondi POR FESR LAZIO 2014 – 2020 Avviso Pubblico “KETS tecnologie abilitanti".

Servizio di Adnkronos.com

Genechron tra i vincitori del bando della Regione Lazio “Contributi per il sostegno dei processi di internazionalizzazione delle PMI del Lazio” 

Con la proposta denominata “Internazionalization of miRNA biomarket essay services in the area of liverdisease” Genechron è risultata tra le aziende vincitrici del Bando della Regione Lazio “Contributi per il sostegno dei processi di internazionalizzazione delle PMI del Lazio” Life 2020 – POR FESR LAZIO 2014 – 2020.

Il progetto mira a sviluppare un nuovo mercato internazionale, rivolto all’erogazione di nuovi servizi per l’analisi dei biomarcatori.

In particolare verranno realizzate le seguenti attività:
- Partecipazione a manifestazioni fieristiche e a rilevanti eventi commerciali all’estero
- Acquisizione di supporto strategico per l’elaborazione di un Piano di penetrazione commerciale
- Acquisizione di Supporto consulenziale per la ricerca di operatori esteri e assistenza per organizzazione incontri commerciali
- Attività per la certificazione di qualità
- Acquisizione di Supporto consulenziale per la rendicontazione delle attività del progetto di Internazionalizzazione
- Investimenti immateriali per l’internazionalizzazione

Le attività del settore biotecnologico sono comprese nella Smart Specialization Strategy (S3) regionale.

Complessivamente per il progetto è stato ammesso un investimento pari ad € 76.651,69 a fronte del quale sono state concesse agevolazioni pari ad € 30.660,68 a valere sui fondi POR FESR Lazio 2014 – 2020.

Progetto DIHETOX vincitore del bando POR FESR Lazio 2014-2020

Il progetto Integrato DIHETOX, presentato da Genechron in collaborazione con il Centro CLSN dell’Istituto Italiano di Tecnologia a Roma, è tra i progetti vincitori del Bando POR FESR Lazio 2014 – 2020 Avviso Pubblico “LIFE 2020” Progetti Integrati della Regione Lazio

Il progetto integrato DIHETOX nasce dall’esigenza di identificare e validare biomarcatori RNA (miRNA o mRNA) in grado di rilevare precocemente la presenza di danno al fegato indotto da farmaci (DILI, Drug-Induced Liver Injury) o di rilevare in maniera precisa eventuali interazioni fra trattamenti farmacologici. 

L’analisi dei potenziali effetti tossici dei nuovi farmaci è necessaria nelle fasi iniziali di sviluppo dei farmaci stessi: i biomarcatori consentono di rilevarne gli effetti in modo accurato, sia nel fegato sia negli altri organi (cuore, reni).

Il progetto DIHETOX agirà su due fronti che presentano obiettivi interconnessi:

  • il primo riguarderà la messa a punto e la validazione di un saggio per la valutazione precoce di epatotossicità aspecifica o legata a specifici farmaci/composti.
  • il secondo riguarderà la messa a punto e l’ottimizzazione di un saggio che potrà essere applicato per la valutazione dell’interazione fra farmaci e determinerà se la contemporanea assunzione di più farmaci riduca gli effetti farmacologici o diminuisca (o aumenti) la tossicità di tali farmaci.

I saggi sviluppati quindi non solo permetteranno di identificare eventuali effetti epatotossici o citotossici dei farmaci/composti analizzati ma daranno un’informazione sugli effetti dovuti all’interazione di più farmaci nel caso di poli-farmacoterapia.

Il progetto si concluderà a metà del 2019 e consentirà la realizzazione di tali saggi che verranno, dopo una fase ulteriore di test e screening su una popolazione di pazienti, messi sul mercato della Diagnostica Medica e dei Trial Pre-Clinici di nuovi farmaci.

Complessivamente per il progetto DIHETOX è stato ammesso un investimento pari ad € 903.128,61 a fronte del quale sono stati concessi contributi pari ad € 658.282,82 a valere sui fondi POR FESR Lazio 2014 – 2020.

  • 1
  • 2